• 14 June 2024

I rivoltosi hanno appiccato il fuoco ad auto e scooter e divelto le strade della capitale belga

Poco dopo la vittoria a sorpresa del Marocco contro il Belgio (2-0) ai Mondiali di calcio in Qatar, le strade di Bruxelles sono stata travolte da una guerriglia urbana. Decine di tifosi del Marocco hanno assalito il centro della città e l’area intorno alla stazione di Midi appiccando il fuoco ad auto, scooter e monopattini elettrici. Gli agenti della polizia belga sono intervenuti in divisa anti-sommossa con camionette e idranti.

Nei video che circolano già sui social media si vedono scene di assalti violenti. Mentre gli scontri sono ancora in corso, Boulevard Anspach, il principale viale del centro, è stato chiuso e la polizia ha fatto appello ad evitare la zona. «Condanno con la massima fermezza gli incidenti di questo pomeriggio», ha scritto su Twitter il sindaco di Bruxelles, Philippe Close.

«La polizia è già intervenuta con fermezza. Consiglio ai tifosi di non venire in centro città. La polizia sta usando tutti i suoi mezzi per mantenere l’ordine pubblico».

Un problema radicato

La minoranza marocchina è la prima e più importante all’interno del Belgio, sin da quando nel 1964 un accordo ad hoc tra Bruxelles e Rabat aprì la strada all’immigrazione dal Paese nordafricano verso il Paese del Benelux bisognoso di lavoratori. Secondo l’ufficio nazionale di statistica, al 1° gennaio 2020 sarebbero oltre 550mila i cittadini di origine marocchina presenti nel Paese.

La capitale Bruxelles è quella dove lo stanziamento è maggiore, ma il radicamento della minoranza in pochi quartieri periferici e la scarsa integrazione nella società pongono da anni problemi alle autorità, sfociati più volte in episodi di violenza e offrendo in alcuni casi culla ad azioni terroristiche, come nel caso di Saleh Abdeslam, unico sopravvissuto tra gli autori della strage del Bataclan del 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *