• 14 June 2024

Alla scadenza del termine fissato per oggi alle 17 sono pervenute 200 segnalazioni dalla maggioranza (95 Fdi, 54 Lega, 40 FI, 11 Noi Moderati) e 250 dall’opposizione.

Intanto la Cgil fa partire le manifestazioni nelle piazze d’Italia

Sono 450, sui circa duemila ammessi, gli emendamenti alla manovra “segnalati” dai gruppi parlamentari e che quindi saranno sottoposti al vaglio della Commissione bilancio della Camera.

Alla scadenza del termine fissato per oggi alle 17 sono pervenute 200 segnalazioni dalla maggioranza (95 Fdi, 54 Lega, 40 FI, 11 Noi Moderati) e 250 dall’opposizione, ma non si esclude che le proposte di modifica possano essere ulteriormente scremate per arrivare ad un numero ancora più ridotto di “supersegnalati”.

Nei prossimi giorni gli uffici della Ragioneria lavoreranno sui pareri e la Commissione bilancio si è già riconvocata per mercoledì per avviare il lavoro sugli emendamenti.

Ieri gli emendamenti, poco più di tremila in totale, erano stati sfrondati, con circa mille testi valutati non ammissibili.

Oggi il nuovo taglio con i segnalati, su cui si concentrano le modifiche da apportare al testo ritenute prioritarie.

Entra nel vivo, quindi, la battaglia sulla manovra alla Camera.

Dopo la valanga di tremila emendamenti depositati, i partiti hanno ristretto le proprie proposte. Si affinano le richieste, dunque, ma con una coperta decisamente corta.

La dote per le modifiche del Parlamento è di 400 milioni (si sale a 700 contando quella per i ministeri) e tante le richieste dei partiti.

A cominciare da Forza Italia che, dopo un vertice ad Arcore con Silvio Berlusconi, insiste soprattutto sulla propria “misura bandiera”: l’innalzamento delle pensioni minime.

Intanto, mentre la Cgil farà partire le manifestazioni nelle piazze d’Italia dal 12 al 16 dicembre, restano ancora diversi nodi da sciogliere.

Cambierà, per certo, l’emendamento del presidente della commissione Cultura, Federico Mollicone al bonus cultura per i diciottenni. È lo stesso esponente di FdI a evidenziare il tema: “L’emendamento verrà riformulato in modo da dare continuità alla Carta però con i cambiamenti che condivideremo con il ministero”.

Probabile che per il bonus venga inserita una soglia Isee.

Nessuna novità, per il momento, sulla questione del Pos, sia sulla soglia che sul nodo della commissioni bancarie.

Si deciderà – ribadiscono dal Tesoro – solo in settimana e in base alle interlocuzioni con l’Ue. Il commissario europeo, Paolo Gentiloni, torna, comunque a sottolineare, che a livello Ue c’è “un ampio invito ad incentivare i pagamenti elettronici e la fatturazione elettronica. Si tratta di un impegno già preso dal governo italiano relativamente al Pnrr”.

Sul superbonus, invece, è previsto nelle prossime ore un vertice a Palazzo Chigi con i tecnici. I partiti di maggioranza – a partire da FI – sono in pressing per una riapertura dei termini per le Cilas (comunicazioni inizio lavoro) al 31 dicembre se non a 15 giorni dopo la pubblicazione della manovra, mentre sullo sblocco dei crediti la soluzione resterebbe quella legata agli F24. Intanto ogni partito insiste sulle proprie richieste sperando di portare a casa almeno una fetta delle poche risorse a disposizione del cambiamento per le modifiche.

“È necessario – dice Silvio Berlusconi – fare il massimo sforzo possibile per aumentare le pensioni minime a mille euro, che resta l’obiettivo di FI per la legislatura”. Altra richiesta degli azzurri è quella di innalzare da 6 a 8 mila euro la decontribuzione per chi assume giovani. E il partito del Cav, dopo la riunione di Arcore, mette i paletti anche su un’altra misura contenuta in manovra, quella riguardante i Lep (livelli essenziali delle prestazioni), primo step dell’autonomia inserito nella Legge di Bilancio.

L’autonomia differenziata, è l’avvertimento, non può comportare una divisione del Paese tra Nord e Sud, e inoltre deve marciare in parallelo con la riforma costituzionale in senso presidenziale. Ma questa sembra, al momento, un’altra partita.

Per ora tutti i partiti provano a portare a casa qualcosa. Dei 200 emendamenti della maggioranza, La Lega punta, tra l’altro, sugli sgravi dell’Iva sul pellet (ora al 22%) anche come strumento di contrasto alla crisi energetica mentre FdI insiste per la sospensione del payback per le aziende che producono dispositivi sanitari. Ci sono, inoltre, proposte di modifica di tutta la maggioranza come i fondi per il sostegno al comparto sicurezza o la sanità.

Una parte delle risorse della dote destinata al Parlamento va inoltre destinata all’opposizione. Mentre M5s si schiera a difesa del Reddito di cittadinanza, dal Pd arriva un pacchetto di emendamenti sul fronte lavoro. Diversi a firma dell’ex ministro Orlando, che vanno dal salario minimo all’abolizioni di alcune parti del Jobs act. Tra le proposte, poi, che, secondo quanto viene riferito, potrebbero trovare attenzione, c’è quella del Terzo Polo per l’abolizione di una serie di micro-tasse che è oggetto anche di un emendamento della Lega.

Domani si apre una settimana chiave per l’iter parlamentare del testo, che la maggioranza vorrebbe approvare alla Camera entro il 23 dicembre per poi trasferirlo al Senato il 26 e concludere le votazioni a Palazzo Madama prima del 31 per evitare l’esercizio provvisorio. I tempi sono stretti. Mercoledì arriverà il giudizio da parte della Commissione Ue sul documento di programmazione economica. Giovedì invece partirà il voto degli emendamenti in Commissione Bilancio che si protrarrà fino a domenica 18 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *