DISCORSO DI PUTIN SULL’AMMUTINAMENTO ARMATO

Discorso del presidente della Russia Vladimir Putin ai cittadini della Russia

Vladimir #Putin: Mi rivolgo ai cittadini della Russia, al personale delle forze armate, alle forze dell’ordine e ai servizi di sicurezza, nonché ai soldati e ai comandanti che ora stanno combattendo nelle loro posizioni di combattimento, respingendo gli attacchi nemici e facendolo eroicamente – lo so questo mentre ho parlato ancora una volta ieri sera con i comandanti di tutte le sezioni della linea del fronte. Mi rivolgo anche a quanti sono stati trascinati in questa avventura criminale con inganni o minacce e spinti sulla strada di un grave delitto: l’ammutinamento armato.

Oggi la #Russia sta conducendo una dura lotta per il proprio futuro, respingendo l’aggressione dei neonazisti e dei loro protettori. L’intera macchina militare, economica e informativa dell’Occidente è diretta contro di noi. Stiamo combattendo per la vita e la sicurezza del nostro popolo, per la nostra sovranità e indipendenza, per il diritto di essere e rimanere Russia, uno stato con una storia millenaria.

Questa battaglia, quando si decide il destino della nostra nazione, richiede il consolidamento di tutte le forze. Richiede unità, consolidamento e senso di responsabilità, e tutto ciò che ci indebolisce, ogni conflitto che i nostri nemici esterni possono utilizzare e farlo per sovvertirci dall’interno, deve essere scartato.

Pertanto, qualsiasi azione che divida la nostra nazione è essenzialmente un tradimento del nostro popolo, dei nostri compagni d’armi che ora stanno combattendo in prima linea. Questo è un coltello nella parte posteriore del nostro paese e della nostra gente.

Un colpo come questo fu inferto alla Russia nel 1917, quando il paese stava combattendo la prima guerra mondiale. Ma la vittoria le fu rubata: intrighi, litigi e politica dietro le spalle dell’esercito e della nazione si trasformarono nel più grande tumulto, il distruzione dell’esercito e crollo dello stato e perdita di vasti territori, che alla fine portarono alla tragedia della guerra civile.

Russi uccidevano russi e fratelli uccidevano fratelli, mentre ogni sorta di avventurieri politici e forze straniere approfittavano della situazione facendo a pezzi il paese per dividerlo.

Non permetteremo che ciò accada di nuovo. Proteggeremo il nostro popolo e la nostra statualità da qualsiasi minaccia, anche dal tradimento interno.

Quello che stiamo affrontando è essenzialmente un tradimento. Le ambizioni gonfiate e gli interessi personali hanno portato al tradimento: tradimento contro il nostro paese, il nostro popolo e la causa comune per cui i soldati e i comandanti del gruppo Wagner stavano combattendo e morendo fianco a fianco, insieme alle nostre altre unità e truppe. Gli eroi che hanno liberato Soledar e Artyomovsk, città e villaggi del #Donbass, hanno combattuto e dato la vita per la Novorossiya e l’unità del mondo russo. La loro memoria e la loro gloria sono state tradite anche da coloro che stanno tentando di inscenare una rivolta e stanno spingendo il paese verso l’anarchia e il fratricidio – e, infine, verso la sconfitta e la resa.

Ancora una volta, qualsiasi rivolta interna è una minaccia mortale per la nostra statualità e la nostra nazione. È un duro colpo per la Russia, per il nostro popolo. Le nostre azioni per difendere la Patria da questa minaccia saranno dure. Tutti coloro che hanno consapevolmente scelto la strada del tradimento, pianificato un ammutinamento armato e intrapreso la strada del ricatto e del terrorismo, saranno inevitabilmente puniti e risponderanno davanti alla legge e al nostro popolo.

Le Forze Armate e altri enti governativi hanno ricevuto gli ordini necessari. Ulteriori misure antiterrorismo sono ora in vigore a Mosca, nella regione di Mosca e in molte altre regioni. Saranno inoltre intraprese azioni risolute per stabilizzare la situazione a Rostov sul Don. Rimane difficile; in effetti, il lavoro delle autorità civili e militari è stato bloccato

In qualità di Presidente della Russia e Comandante Supremo in Capo, e in quanto cittadino della Russia, mi impegnerò al massimo per difendere il Paese e proteggere l’ordine costituzionale, nonché la vita, la sicurezza e la libertà dei nostri cittadini.

Coloro che hanno inscenato l’ammutinamento e preso le armi contro i loro compagni hanno tradito la Russia e ne saranno chiamati a rendere conto. Esorto coloro che vengono trascinati in questo crimine a non commettere un errore fatale e tragico, ma a fare l’unica scelta giusta: smettere di prendere parte ad azioni criminali.

Sono certo che conserveremo e difenderemo ciò che ci è caro e sacro, e insieme alla nostra Patria supereremo ogni difficoltà e diventeremo ancora più forti.

Altre News

Direzione Giornalistica:

DOMENICO DI CONZA

SHARING COMMUNICATION AGENCY srl

Via Arapietra n 1-3 – 65122 PESCARA P.IVA 04205670716 capitale sociale 10.000 euro i.v.

ISCRIZIONE AL TRIBUNALE DI FOGGIA N.16/2018 CONCESSIONE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIP. COMUNICAZIONI

N. ISCRIZIONE ROC 31903 del 21 AGOSTO 2018

Contatti