• 14 June 2024

Uno studente-rider di 26 anni fiorentino, Sebastian Galassi, lo scorso 2 ottobre è morto per un incidente in scooter mentre lavorava facendo consegne per Glovo.

Una delle ultime consegne da fare non è mai stata effettuata a causa dell’incidente, e proprio per questa consegna mancata il ragazzo è stato licenziato con un messaggio automatico dall’azienda di delivery.

La morte di Sebastian indica due problemi che non vengono affrontati ancora nel modo giusto, ovvero i diritti dei lavoratori – perché a quanto pare basta una mancata consegna per perdere il posto di lavoro – e i loro diritti e la loro tutela in termini di sicurezza sul lavoro.

La vicenda indica una mancanza di umanità in casi del genere e fa riflettere su quante situazioni di disuguaglianza ci siano e che sono silenziate.

Attualmente la magistratura fiorentina ha aperto un’inchiesta e la Cgil di Firenze ha annunciato uno sciopero di 24 ore lo scorso 5 ottobre.

Glovo si è scusata per la morte di Sebastian e ha dichiarato che pagherà metà delle spese per il funerale.
TANTO MISERABILI DA NON “POTERSI PERMETTERE” NEANCHE IL PAGAMENTO INTEGRALE DELLE SPESE PER IL FUNERALE!!
VERGOGNA!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *