• 17 April 2024

Nel 2018 i medici a cui si era rivolta le avevano detto che era troppo giovane per sottoporsi a una mammografia, nonostante avesse un nodulo al seno. Adesso ha un tumore al quarto stadio.

Questa è la tragica avventura capitata a Philecia La’Bounty, modella e ora seguitissima sul suo profilo Tik Tok, seguito da oltre 40mila followers.

La donna, dopo aver sentito un grumolo al seno, aveva deciso di farsi visitare, ma i medici a cui si era rivolta le avevano assicurato che non vi era nulla di cui preoccuparsi visto che, a loro parere, si poteva trattare solo di un nodulo benigno.

La sua battaglia su Tik Tok

I sanitari si erano anche rifiutati di sottoporla a una mammografia perché considerata inutile data la sua giovane età.

Dopo 8 mesi e diverse visite mediche, la ragazza ha scoperto di avere un tumore al seno ormai al quarto stadio.

Il cancro si era infatti diffuso in altre zone del corpo, e in particolare ai polmoni, ai linfonodi e allo sterno.

Subito ha confessato di aver “pensato“ alla morte, come fa la maggior parte delle persone quando sente la parola cancro”, sentendosi delusa e abbandonata dai medici.

Dopo aver avuto la terribile diagnosi, la donna ha dovuto sottoporsi a una menopausa farmacologica, a causa dalla chemioterapia utilizzata per trattare il tumore.

Sui social la 35enne ha confessato di sentirsi ogni mattina come una vecchietta, con le articolazioni rigide, stanca e sofferente.

Dopo aver scoperto che la chemioterapia avrebbe potuto renderla sterile, Philecia ha deciso di congelare dieci ovuli.

La vita è cambiata non solo a lei, ma anche al marito, alla sua famiglia, e ai suoi amici più cari.

“Cerco di non pensare troppo a come sarebbe potuta andare se i medici se ne fossero accorti prima. Tanto questo non mi farà scomparire la fase”, ha spiegato su Tik Tok, anche perché pensare che avrebbe potuto avere a che fare con un tumore al secondo stadio, e non al quarto, è scoraggiante.

Cosa vuol dire un tumore al quarto stadio

In linea generale, i tumori al primo stadio sono di piccole dimensioni, localizzati e solitamente curabili; allo stadio II e III sono solitamente solo localmente avanzati e/o hanno coinvolto linfonodi vicini; al quarto stadio si considerano invece i tumori inoperabili o metastatici, ovvero che hanno coinvolto altre zone del corpo, anche lontane.

Secondo gli studi, in questo ultimo caso i pazienti hanno solo il 22% di possibilità di sopravvivere oltre i 5 anni dalla diagnosi.

La modella ha scelto di utilizzare il social per raggiungere quante più persone, spiegando loro i rischi che si corrono senza una prevenzione adeguata, i sintomi e anche per dare informazioni riguardo la menopausa precoce.

Proprio riguardo quest’ultimo aspetto, la ragazza ha spiegato: “È più comune nelle giovani donne di quanto la gente si aspetti. C’è un’epidemia di giovani donne che scoprono di avere un cancro al seno e di conseguenza sono state messe in menopausa precoce, e nessuno ne parla”.

La 35enne ha detto di sentirsi orgogliosa e realizzata quando riceve dei messaggi da persone che grazie a lei non si sentono sole.

L’importanza della prevenzione

Per controllare il seno non c’è solo la mammografia.

Si può iniziare da sole, facendo attenzione a eventuali cambiamenti delle sue dimensioni o della forma e con l’autopalpazione.

La forma del seno infatti cambia nel corso del tempo, sia in periodo mestruale che con l’invecchiamento o la gravidanza.

Nel caso in cui ci siano dei dubbi sul suo cambiamento, ci si può rivolgere a un esperto. È importante controllare anche eventuali arrossamenti o secrezioni.

Se fuoriesce del liquido dal capezzolo, senza che venga pressato, è meglio recarsi dal medico per un controllo.

Gonfiori, ecco a quali fare attenzione

Si deve fare particolare attenzione alla presenza di gonfiori o grumi, non necessariamente al seno, ma anche nella zona sotto le ascelle e fino alla clavicola. Anche i grani della pelle devono essere controllati: se l’area del seno ha la forma di una buccia d’arancia è meglio fare una visita medica.

Anche se il capezzolo da un momento all’altro è tirato verso l’interno o cambia forma o posizione, conviene prenotare una visita. Infine, un altro segnale può essere un dolore costante al seno o all’ascella. Anche se sentire male nella zona del seno è abbastanza normale.

Per esempio potrebbe essere più indolenzito nei giorni precedenti al ciclo.

Se abbiamo dei dubbi comunque meglio farci vedere, tanto per essere più tranquille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *