• 27 May 2024

Nonostante i tanti dubbi a proposito dell’approvvigionamento di energia e del relativo costo, l’Unione Europea prosegue inarrestabile nel suo progetto di cancellazione dei motori termici tradizionali. E i costruttori si adeguano, con un’espansione progressiva di modelli elettrici e il supporto allo specifico tipo di propulsione.

Non è da meno la Kia, che già dall’inizio del 2021 ha modificato il suo logo, togliendo la dicitura “Motors” dalla denominazione ufficiale. Il marchio coreano, brillante stella della galassia Hyundai, può contare sull’apporto del centro di Namyang dove sono studiate tutte le possibili tecnologie alternative con l’obiettivo di arrivare nel 2045 alla neutralità in fatto di emissioni di carbonio.

Il posto guida della Kia EV9 concept

Il progetto è a lungo termine e, saggiamente, non esclude ogni tipo di tecnologia tenendo presente il risultato finale. Dai carburanti alternativi all’idrogeno, ogni soluzione sarà tenuta in considerazione, considerato anche il mercato globale e il fatto che in moltissime nazioni i motori termici continueranno ad essere utilizzati.

Detto questo, la Kia è pronta anche per le esigenze delle piazze europee e prevede di vendere nel 2030 almeno 2 milioni di auto elettrificate, ibride e ibride plug-in comprese, su un totale di 4 milioni.

Di queste, circa 1,2 milioni dovrebbero essere completamente elettriche. Guardando questo orizzonte, il marchio coreano introdurrà, entro il 2027, ben 14 nuovi modelli elettrici con un livello tecnologico almeno pari a quello della già nota EV6. Il piano di produzione è definito con precisione, cominciando dal Suv EV9 a 7 posti che sfrutterà, a sua volta, il pianale E-GMP specifico per questo tipo di veicoli. Tra gli obiettivi ha un’autonomia di 540 km, un tempo di ricarica di 6 minuti per 100 km di percorrenza e un tempo in accelerazione inferiore ai 6” in accelerazione da 0 a 100 km/h.

Arriverà l’anno prossimo, affiancandosi all’esuberante EV6 GT, accreditata di ben 430 kW (585 Cv) di potenza che permettono di toccare i 100 orari con partenza da fermi in soli 3”5 prima di raggiungere i 260 km/h. La gamma elettrica in arrivo a partire dal 2024 prevede in successione il lancio di un compatto crossover del segmento B, una berlina e una coupé a quattro porte del segmento C, un crossover del segmento C, una piccola vettura da città e infine una serie di veicoli commerciali. Nel 2028 la Kia, tenendo aperta ogni porta, presenterà nel 2028 il suo primo veicolo fuel cell, a celle a combustibile di idrogeno.

L’impegno ecologico della Kia non si limita comunque alla produzione di veicoli. La Kia ha infatti messo in cantiere l’operazione Ocean Cleanup per la raccolta di materiale plastico, anche con navi fornite allo scopo, nelle acque e lungo le spiagge. Materiale che poi viene riciclato e utilizzato non solo per il rivestimento dei sedili delle auto. Non meno interessante il progetto Blue Carbon con lo sfruttamento di alghe e bacini marini appositi in grado di assorbire l’anidride carbonica. Strada, quest’ultima, alla quale dovrebbero probabilmente pensare anche i legislatori europei.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *