• 27 May 2024

Bari, da oggi attivi cinque nuovi autovelox: ecco dove sono
Per rilevare eccesso di velocità e violazioni del divieto di sorpasso soprattutto in tratti stradali dove ultimamente si sono verificati molti incidenti
Isabella Maselli
ISABELLA MASELLI

01 MAGGIO 2023

autovelox
facebook sharing buttontwitter sharing buttonwhatsapp sharing buttonmessenger sharing buttonsharethis sharing button
sharethis sharing button
AAA
BARI – È in vigore da oggi il decreto della Prefettura di Bari con il quale sono stati individuati i tratti stradali sui quali è possibile utilizzare o installare dispositivi di controllo del traffico e, in particolare, per rilevare eccesso di velocità e violazioni del divieto di sorpasso. La individuazione delle cinque strade è stata il risultato del monitoraggio sull’incidentalità sulle principali arterie del territorio metropolitano.

I cinque tratti stradali sui quali da oggi sono attivi i nuovi autovelox sono:

  • Statale 16, dal km 788 al 794, in entrambe le direzioni di marcia, tra Palese e Santo Spirito. Qui, evidenzia il documento varato dalla Prefettura, si registra un “traffico sostenuto, misto di mezzi pesanti e auto” su una “strada extraurbana secondaria a doppia carreggiata, ciascuna con due corsie, con curve”;
  • Statale 16, dal km 811 a 816, in entrambe le direzioni di marcia, tra San Giorgio e Torre a Mare, dove c’è un “traffico sostenuto di mezzi pesanti e auto, frequenti rallentamenti del traffico per l’immissione di veicoli da e per accessi laterali privati, direttamente sulla Statale” e “con assenza di corsie di emergenza”;
  • Statale 96, dal km 114 al 116, in entrambe le direzioni di marcia, in prossimità di “Primissimo”, tra Modugno e Palo, dove ci sono molti opifici e quindi immissione di veicoli dagli accessi laterali. Qui il limite di velocità è tra 50 e 80 km/h;
  • Statale 100, dal km 10 al 13 in entrambi i sensi di marcia, all’altezza di Capurso. È una strada extraurbana a due corsie, priva di banchina laterale con “traffico sostenuto – evidenzia il documento – misto di mezzi pesanti e auto e formazione di code”;
  • Provinciale 231 (ex Statale 98), dal km 0 a 11 (tra Modugno e Bitonto) e dal 16 al 35 (tra Terlizzi, Ruvo e Corato) per entrambi i tratti e in entrambe le direzioni. Anche qui si registra “traffico sostenuto, misto di mezzi pesanti e auto, immissione di veicoli da accessi laterali a velocità sostenuta e manovre pericolose”.

I due tratti sulla 96 e sulle ex 98 sono quelli sui quali si sono verificati due degli ultimi più tragici incidenti stradali mortali del territorio barese. Sulla Statale tra Modugno e Palo lo scorso 11 dicembre sono morti tra ragazzi di 19, 21 e 25 anni nello scontro tra la loro auto e un bus turistico e sulla 231 la sera del 25 aprile altri quattro giovanissimi di Bitonto, tra i 17 e i 24 anni, sono morti nel frontale tra la macchina sulla quale viaggiavano e un’altra vettura che viaggiava sul senso di marcia contrario.

In entrambi i casi a causa i sinistri potrebbe essere stata l’elevata velocità di marcia.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *