• 17 April 2024

Cina: Non conoscevamo i piani di Putin sull’Ucraina

La linea di fuoco della Russia si sposta su Odessa. Nella notte è partita l’offensiva della marina. Tre gruppi di navi (14 secondo gli esperti militari) si sono avvicinate alla costa e hanno sganciato i primi missili. Tra le imbarcazioni, anche una nave da sbarco di 120 metri, che presuppone l’invasione imminente dei militari. Al 21esimo giorno del conflitto, i generali dell’esercito di Putin hanno dirottato gli sforzi del Mar Nero sul primo porto dell’Ucraina. Ecco perché è una delle città chiave per vincere la guerra.

Odessa ha una posizione decisiva nell’economia della guerra. La Russia vuole assicurarsi il controllo del Mar Nero. Per questo motivo, da giorni vanno avanti i bombardamenti e gli attacchi nelle città vicine. Mariupol su tutte, ma anche Cherson e Nykolaev, ormai dilaniate dai missili russi. Mosca ha stretto la morsa attorno al suo vero obiettivo e adesso si prepara all’attacco decisivo. Odessa è la quarta città più popolosa dell’Ucraina con un milione di abitanti, ma di fatto la “capitale economica” del Paese. Il 70% delle esportazioni dello Stato passa attraverso il suo porto. Conquistarla, significherebbe per la Russia isolare dal mare l’Ucraina, che continua a ricevere a Odessa buona parte dei rifornimenti di cibo. Inoltre la presa della città rappresenterebbe un corridoio che permetterebbe il collegamento tra Russia e Moldavia e con il territorio autonomo della Transnistria, sotto la “protezione” russa. Decisiva nei negoziati, Zelensky conosce bene l’importanza di Odessa. «Attaccarla sarebbe un crimine di guerra», aveva detto. Ma di fatto da almeno due settimane la città si prepara all’assedio.

I cittadini hanno lavorato per creare le barricate al porto e sulle spiagge. Se la Russia si decidesse a far sbarcare le forze anfibie, è facile presumere una serie di azioni le prime delle quali comprenderebbero azioni di fuoco aereo e missilistico essenzialmente per neutralizzare sistemi di comando, controllo e comunicazione e infrastrutture logistiche delle forze armate ucraine. Conquistare Odessa cambierebbe anche le richieste russe al tavolo dei negoziati. Con una vittoria militare di questo livello, calerebbe la possibilità di Zelensky di trattare con Putin.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *