• 21 February 2024

Nel mondo sempre più connesso in cui viviamo, arriva sulla scena “Rabbit R1” di Rabbit, una startup statunitense, una sorta di “compagno tascabile” che promette di semplificare i compiti quotidiani grazie all’intelligenza artificiale. Dotato di uno schermo touch, una rotella analogica e una telecamera per foto e videochiamate, il dispositivo è progettato per essere un vero e proprio assistente personale virtuale.

L’aspetto più intrigante di “Rabbit R1” è l’utilizzo dell’intelligenza artificiale basata su modelli linguistici come ChatGPT. Il sistema, infatti, impara dagli utenti e si interfaccia con diverse piattaforme di distribuzione di contenuti, come Spotify e Amazon, offrendo soluzioni complesse e modulari. La startup si propone di espandere le capacità del dispositivo consentendogli di apprendere nuove operazioni attraverso la fotocamera, aprendo così la strada a un futuro di automazione per compiti frequenti.

Il dispositivo, in vendita a 199 dollari, segna l’inizio di un’era in cui l’intelligenza artificiale plasmerà il design e la funzionalità dei dispositivi quotidiani, aprendo nuove possibilità nel modo in cui affrontiamo la vita digitale e pratica.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *