• 14 June 2024


Bar e ristoranti alimentati da allacci abusivi: scoperti i ‘bypass’ che rubavano energia ai foggiani
L’operazione della polizia (Divisione Pasi della questura) ha portato alla denuncia per furto aggravato e ricettazione dei titolari delle attività.
Stessa sorte è toccata precedentemente al titolare di un panificio

Accade a Foggia, dove la polizia, nell’ambito delle attività finalizzate al contrasto ed alla prevenzione dei reati commessi dai proprietari e gestori delle attività commerciali cittadine, ha effettuato un servizio operativo di controllo con il personale Enel, in due attività commerciali, adibite a servizi bar e ristorazione.

Dagli accertamenti effettuati dal personale della Divisione Pasi della questura di Foggia, sarebbe emerso che i gestori si sarebbero appropriati di corrente elettrica in maniera illecita, per il tramite di un bypass che attingeva la corrente elettrica direttamente dalla rete pubblica, aggirando il contatore.

In particolare, al momento della verifica, il contatore del ristorante risultava completamente staccato, non registrando alcun consumo, nonostante l’attività fosse in esercizio.

I cavi utilizzati per ottenere l’approvvigionamento energetico, ben occultati nel terreno, inoltre, sono risultati di provenienza illecita poiché appartenenti all’Enel, quindi non reperibili sul pubblico mercato.
Pertanto, i titolari delle attività sono stati denunciati per i reati di furto aggravato e ricettazione.

Durante una precedente attività operativa di controllo, sempre il personale della Divisione Pasi, con l’ausilio di personale Enel, ha predisposto un unico intervento presso due attività per la produzione di prodotti da forno e in una abitazione privata, luoghi riconducibili allo stesso proprietario.

Anche in tale caso, sarebbe emersa l’appropriazione illecita della corrente elettrica direttamente dalla rete pubblica adibita alla distribuzione di energia.

Pertanto, gli utilizzatori delle attività e dell’abitazione sono stati denunciati per il reato di furto aggravato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *