• 2 March 2024

La decisione dell’amministratore unico della Lasim Giampiero Fedele in accordo coi sindacati, ma lui commenta: «Non voglio farmi pubblicità»

In busta paga arriveranno 600 euro in più per ogni dipendente, per contrastare il caro-bollette.

È il gesto concreto dell’imprenditore Giampiero Fedele, a capo della Lasim spa, che oggi, in accordo con le rappresentanze sindacali della Fim Cisl e Uilm Uil ha deciso questa forma di ristoro.

«Si è stabilito che vengono erogati 600 euro ad ogni lavoratore – confermano i sindacati – sotto forma di bonus per il sostegno al caro energia.

Va dato atto, all’imprenditore, al capitano d’azienda, lo straordinario impegno sociale dimostrato, in un momento storico così complesso e difficile, che sta attraversando il nostro Paese e il mondo intero».

«La sua azienda – continuano – investe e dimostra con i fatti il suo enorme sforzo di saper affrontare con schiena dritta le sfide future del mercato».

Dal canto suo Fedele preferisce tacere, anzi pare sorpreso dal clamore suscitato dalla notizia. «Mi stanno chiamando da tutta Italia – dice – ma non rilascio dichiarazioni.

Ciò che ho fatto non è per farmi pubblicità».

Giampiero Fedele, nominato Cavaliere del lavoro nel 2021, è bresciano doc. Si trasferisce da Brescia a Lecce all’età di 25 anni per gestire l’attuale azienda che all’epoca produceva articoli per l’edilizia.

Da allora è socio e amministratore unico della Lasim Spa, che insediatasi nel 1972 da allora di strada ne ha fatta, e tanta. Attualmente è composta da due stabilimenti: Lasim 1 e Lasim 2 estesi per 35.000 mq su una superficie totale di 135.000 mq nella zona industriale di Lecce e dotata di un ufficio tecnico a Torino.

L’azienda è al servizio di Fiat, Fiat Chrysler, Lancia, Alfa Romeo ma anche General Motors, CNH, Magneti Marelli.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *