• 4 March 2024

Dal 2010 al 2020 sono stati tagliati quasi 37mila posti letto, che significano centinaia di reparti cancellati dalle mappe dei nostri ospedali

Turni massacranti, stipendi inadeguati, lacune di personale. Archiviata l’emergenza Covid-19, la sanità italiana e gli operatori al loro interno si trovano a far fronte a sfide vecchie e nuove, declinate alla luce delle diverse e aumentate esigenze di salute della popolazione.

I temi della formazione, quindi, della programmazione e delle condizioni di lavoro dei medici italiani, ma anche la solidarietà e lo spirito di vocazione, che in un momento come questo non possono mancare, sono i temi che REPORT SALUTE, la rivista scientifica dell’Università Popolare LUCE, ha voluto affrontare nel primo numero del 2022.

Quanto è importante oggi per il professionista sanitario ottemperare all’obbligo di formazione continua in medicina?

Tantissimi medici di medicina generale in pensione nel 2024.

Come si fa fronte a questo?

Già nel 2010, inascoltati, i medici lanciavano un grido d’allarme sul fatto che a breve sarebbero mancati sia gli specialisti che i medici di medicina generale, chiedendo di investire maggiormente in borse di studio per le scuole di specializzazione.

Bisogna dare atto però che da un anno a questa parte, grazie all’ex ministro Manfredi ma anche al ministro Speranza si è iniziato a porre rimedio aumentando i posti in specializzazione.

Ci vorranno tuttavia diversi anni per andare a regime anche perché la progressiva tendenza pensionistica è un’ulteriore aggravante.

Ci aspettano anni complessi, e sentire di pazienti che non trovano un medico di medicina generale disponibile ci lascia attoniti e ci restituisce la misura di una programmazione scellerata risalente a dieci anni fa.

L’aggiornamento e la formazione continua sono sempre più importanti per tenere il passo con le evoluzioni della medicina negli ultimi cinquant’anni. Siamo passati in quest’arco di tempo dall’essere quasi all’età della pietra ad avere una medicina estremamente tecnologica dove, tuttavia, ci auguriamo che la risorsa umana governi sempre la macchina e non viceversa.

Anche per questo l’Educazione Continua in Medicina è ancor più fondamentale. Dopo due anni di corsi online, poter tornare a relazionarsi in presenza è un valore aggiunto. Un medico non può non formarsi continuamente, altrimenti è fuori dal tempo presente.

Per non parlare del problema atavico della fuga all’estero di molti medici italiani…

La professione medica non è più molto attrattiva, non solo per motivi economici, sebbene i nostri stipendi restino tra i più bassi in Europa, ma soprattutto per ciò che comporta l’essere medico: troppo spesso significa essere aggrediti, picchiati, sottoposti a turni di lavoro massacranti e con carichi di lavoro eccessivi anche a causa di una crescente burocrazia.

Questo fa sì che molti medici scelgano di andare all’estero, una scelta di libertà e di investimento.

Su questo dobbiamo riflettere e fare i conti col fatto che nei prossimi anni rischiamo di non avere medici italiani che continuino la grande tradizione medica del nostro Paese.

Domenico DI CONZA

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *