• 27 May 2024

DA PRIMA TV DIGITALE A PRIMA TV NEL METAVERSO. COME CRESCE LA COMUNITA’ DELLE IDEE CON L’INTELLIGENZA COLLETTIVA COOPERANTE

La tecnologia permea sempre di più la quotidianità e favorisce l’integrazione tra telecomunicazioni e informatica, multimedialità e interattività.

Il futuro della televisione è in continua evoluzione e non solo è difficile prevedere cosa accadrà tra vent’anni, ma anche solo tra cinque.

I progressi tecnologici sono infatti all’ordine del giorno e lasciano intravedere i cambiamentidegni della fantascienza più sfrenata. Tuttavia, alcune tendenze sono già evidenti.

 

Ma la televisione è davvero destinata a scomparire? E come sarà la televisione del futuro? Scopriamolo insieme.

IL 15 MARZO 2023 E’ UNA DATA STORICA: PARTE LA PROGRAMMAZIONE

DELLA 1ª TV NEL METAVERSO

La passività che contraddistingue il consumo della televisione tradizionale digitale viene sostituita dall’interattività, garantita dall’integrazione del linguaggio televisivo con la navigazione in Rete attraverso nuove piattaforme di distribuzione dei contenuti.

In questo contesto si moltiplicano e si semplificano le modalità di fruizione e la partecipazione attiva nella gestione dei contenuti.

Si può partecipare agli eventi in diretta ponendo domande, raccontando la propria esperienza e condividendo conoscenze e competenze.

LE DATE PIU’ IMPORTANTI:

05 GIUGNO 2017

Sharing TV nasce come PRIMA TV NATIVA DIGITALE e trasmette sul canale 272 del Digitale Terrestre in Puglia a livello regionale.

19LUGLIO 2018

Nasce ufficialmente la START UP INNOVATIVA e viene attivata la trasmissione anche su APP, con il potenziamento delle trasmissioni in diretta streaming su una propria piattaforma di terza generazione.

09MAGGIO 2020 – FESTA D’EUROPA

ANCORA UN PRIMATO – PRIMA TV IN EUROPA AD INAUGURARE GLI STUDI VIRTUALI

Grazie al supporto del Presidente del Parlamento EuropeoDAVID SASSOLI, Sharing TVaccetta di inaugurare gli studi virtuali su piattaforma MOZILLA HUB e ALT SPACE VR con la trasmissione della cerimonia del 70° ANNIVERSARIO DELL’EUROPA!

Un evento con diversi ospiti virtuali promosso anche dalla Commissione Europea.

06GIUGNO 2020

TRASMISSIONE DEL PRIMO TG NEL METAVERSO diretto dal Direttore Domenico DI CONZA

15 LUGLIO 2020

SHARING TV TRASMETTE A LIVELLO NAZIONALE SUL CANALE 154. PRIMA TV DOPO TELE MILANO 58 A PASSARE DA TV REGIONALE A TV NAZIONALE. SHARING, A DIFFERENZA DI MEDIASET TRIONFA CON LA FORZA DELLE IDEE

12 DICEMBRE 2020

Il successo sui social e nei dati d’ascolto è sempre più oggettivo con i 60 mila utenti certificati da AUDITEL nel mese di Novembre 2020 sul canale ,  fino a raggiungere un traguardo insperato nel 2020!SHARING TV viene riconosciuta come PRIMA TV MEDIA INFLUENCER grazie al raggiungimento di un traguardo straordinario di visualizzazioni mensili, ben 5 MILIONI nei mesi di Novembre e Dicembre 2020 e una media di 3 MILIONI di visualizzazioni mensili per tutto il 2020.

Il Covid e la pubblicazione del nuovo bando del Ministero per il Digitale Terrestre, troppo oneroso per una piccola realtà in crescita, in un periodo così difficile per l’intera economia italiana ed europea, ci costringere ad interrompere le trasmissioni sul digitale terrestre e ricominciare tutto daccapo e facendo forza sulla nostra umiltà e creatività.

12 DICEMBRE 2022

Ricominciano con le produzioni di SHARING TV e si programma la riapertura delle redazioni dal 2023 con le nuovi sedi a Pescara e Roma

La ripartenza ci fa toccare con mano l’affetto dei nostri telespettatori e in poche settimane torniamo ad avere un’attenzione speciale da parte degli utenti Facebook con dati straordinari

2023  La televisione del futuro

LA TV DEL FUTURO sarà olistica, intelligente e IoT. Che cosa significano queste parole?

-Per televisione olistica si intende una televisione che prevede un sistema di schermi connessi a tutte le piattaforme di distribuzione dei contenuti: Digitale Terrestre, Satellite e Internet.

La fruizione è time-shifted (spostata nel tempo): significa, ad esempio, che si può vedere dall’inizio un programma già iniziato, personalizzandone l’avvio.

Per fruirla si dovranno usare strumenti avveniristici: come i caschi virtuali, ad esempio gli OculusGo, visori sviluppati da una società acquisita nel 2014 da Facebook, che permettono di accedere a piattaforme di video-streaming con programmi sia in diretta sia on-demand come Hulu e Netflix, con il valore aggiunto di fruire di ogni contenuto su uno schermo virtuale.

Per televisione intelligente, invece, si allude all’integrazione tra il televisore, gli elettrodomestici di casa e tanti   altri   dispositivi   reciprocamente   connessi   grazie   all’intelligenza   artificiale.

In pratica, una serie di funzionalità software sempre più sofisticate consentirà di automatizzare il funzionamento di diversi dispositivi in maniera integrata e coordinata.

Sarà così possibile, ad esempio, possedere un televisore con Assistant integrato (l’assistente vocale di Google) in grado di dialogare automaticamente con gli amplificatori wirless, in modo da sfruttare la qualità audio degli stessi durante la visione di un film.

Il televisore potrà dialogare anche con altri strumenti, come la lavatrice e l’asciugatrice, impostando su richiesta programmi per sincronizzare i cicli di lavaggio durante la proiezione di un programma, o come il frigorifero che, in virtù di uno schermo integrato, permetterà di visualizzare le ricette realizzabili in base al cibo presente al suo interno e dialogare, a sua volta, con il forno, preordinando tempi e modalità di cottura.

I televisori dotati di intelligenza artificiale saranno in grado di mostrare notizie e previsioni meteo in tempo reale, servendo, al tempo stesso, da pannello di controllo per gli altri dispositivi connessi presenti nelle nostre case come telecamere, aspirapolveri, sistemi di riscaldamento, luci, climatizzatori e fotocamere.

Sfruttando la connettività, sarà possibile scattare una foto con il proprio smartphone e impostarla come sfondo del televisore o dell’interparete allo spegnimento di questo.

In prospettiva, il televisore potrà integrarsi e connettersi con il sistema smart della casa per cui ogni utente potrà programmare funzioni e servizi all’interno della propria abitazione da remoto in modo da poter fruire del suo programma preferito con le stanze riscaldate e la cena già pronta e servita da un robot. Il tutto, mentre altri dispositivi svolgono le faccende domestiche in silenzio.

– Internet delle cose (o IoT, acronimo di Internet of Things) Infine altra novità il televisore del futuro potrà contare anche sul cosiddetto IoT , un neologismo che rimanda all’estensione di Internet al mondo degli oggetti fisici.

In pratica, grazie a Internet, gli oggetti non saranno più inerti, ma acquisteranno intelligenza incamerando e comunicando dati grazie al collegamento alla Rete.

Il televisore potrà non solo trasmettere suoni e immagini, ma anche monitorare il clima domestico,“spiare”eventuali intrusioni, comunicare messaggi e appuntamenti, avvertire di eventuali, malfunzionamenti.

Il tutto sarà facilitato dall’impiego di un unico telecomando smart in grado di sincronizzarsi con tutti gli altri dispositivi presenti in casa. Una sorta di centralina internet capace di telecomandare qualsiasi oggetto presente in casa (luci, termostati, ventilatori, prese elettriche, persiane ecc.)

Sebbene tutto ciò sembri avveniristico, molti commentatori sono dell’idea che una convergenza così massiccia metterà a dura prova la nostra privacy e potrà essere utilizzata da malintenzionati per penetrare subdolamente nei nostri sistemi smart e usufruire dei nostri servizi,accedendo a informazioni che ci riguardano e alle nostre password. Un problema non di poco conto, con cui avremo probabilmente a che fare nel prossimo futuro.

15 FEBBRAIO 2023 NASCE LA COMUNITA’ DELLE IDEE NEL METAVERSO

PRIMA PRESENTAZIONE DELLA TV E DELLA RADIO NEL METAVERSO CON L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE SU PIATTAFORME QUANTISTICHE

Il 15 Febbraio 2023 in diretta presentiamo ufficialmente l’evoluzione della nostra TV E RADIO NEL METAVERSO!

Utenti, esperti e appassionati discutono su multi piattaforma sull’evoluzione di SHARING CUBE, scegliendo per la prima volta in assoluto, a livello mondiale, su quale piattaforma assistere ad una diretta radiofonica e televisiva.

SHARING CUBE trasmette, infatti, dalla sua PIATTAFORMA DIGITALE, dalla PIATTAFORMA DEL METAVERSO SU SPATIAL e SU SECOND LIFE, dove è stata realizzata la prima sede nel metaverso costruendo le infrastrutture di SHARING CUBE e dellUNIVERSITA POPOLARE LUCE riproducendo PIAZZA DI SPAGNA A ROMA.

15 MARZO 2023 PARTE LA PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNITA’ DELLE IDEE NEL METAVERSO

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *