• 17 April 2024

ll taglio delle accise da parte del Governo di 25 centesimi più IVA per un mese ha permesso di ridurre il costo di benzina e diesel, rendendo meno pesante la spesa per un pieno di carburante.

La misura, solo provvisoria e non strutturale, non è piaciuta a diverse associazioni in quanto i prezzi dei carburanti rimangono ancora molto alti.

Il taglio delle accise inizia ad essere eroso dal nuovo aumento delle quotazioni del petrolio che stanno spingendo le aziende petrolifere ad alzare i prezzi raccomandati dei carburanti.

Secondo quanto racconta Quotidiano Energia, Eni, per esempio, ha alzato il prezzo raccomandato su benzina e diesel di 6 centesimi al litro.

Dunque, il rialzo ha già annullato circa un quinto dei benefici del taglio delle accise.

Se il greggio continuerà a salire, nei prossimi giorni ci saranno ulteriori aumenti del costo del carburante che andranno a erodere ulteriormente i benefici del taglio delle accise.

Dati gli aumenti delle quotazioni del petrolio e i nuovi rincari dei prezzi consigliati, sarà molto importante monitorare l’andamento del costo della benzina e del diesel nei prossimi giorni.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *