• 4 March 2024

Il 5 giugno è la Giornata mondiale dell’ambiente: riciclo, riuso, riduzione le parole chiave
La Giornata, indetta dall’Onu, il 5 giugno è arrivata alla sua cinquantesima edizione

Agire, subito, per non morire soffocati dalla plastica. A questa emergenza è dedicata la Giornata dell’ambiente che si celebra in tutto il mondo con decine di migliaia di inziative ma con uno slogan comune: «Elimina l’inquinamento della plastica» e tre parole d’ordine: riciclo, riuso e riduzione.

La Giornata, indetta dall’Onu, il 5 giugno è arrivata alla sua cinquantesima edizione e proprio sabato, al termine di una lunga sessione, si è concluso l’International Negotiating Committee (INC) dell’Onu al quale hanno partecipato 175 paesi approvando la realizzazione di una bozza di accordo sull’abbattimento della plastica che sarà esaminata a novembre a Nairobi, con l’obiettivo di un trattato finale entro il 2024. Ogni anno l’umanità produce circa 430 milioni di tonnellate di plastica, metà delle quali progettate per essere utilizzate una sola volta. Di questi, meno del 10% viene riciclato, ricorda l’Onu aggiungendo che si stima che ogni anno 19-23 milioni di tonnellate finiscano nei laghi, nei fiumi e nei mari, quasi quanto il peso di 2.200 torri Eiffel tutte insieme. Le microplastiche (fino a 5 millimetri di diametro) si fanno strada nel cibo, nell’acqua e nell’aria e ogni persona sembra consumi più di 50.000 particelle di plastica all’anno, molte di più se si considera l’inalazione.

Un inquinamento che potrebbe essere ridotto dell’80% entro il 2040 se i Paesi e le aziende effettuassero profondi cambiamenti politici e di mercato utilizzando le tecnologie esistenti, ha rilevato l’Unep nell’ultimo rapporto dal titolo «Chiudere il rubinetto: come il mondo può mettere fine all’inquinamento da plastica e creare un’economia circolare», pubblicato prima del negoziato parigino. Il rapporto indica soluzioni basate sulle 3 R: riuso (consentirebbe di avere un taglio del 30% dell’inquinamento nei prossimi 17 anni), riciclo (per un’ulteriore 20% in meno e fino al 50% eliminando i sussidi ai combustibili fossili e rafforzando le linee guida per migliorare la riciclabilità) e riorientando la produzione (il 17% in meno usando materiali alternativi).

Il passaggio a un’economia circolare comporterebbe un risparmi diretti e indiretti intorno a 4.500 miliardi di dollari e un aumento netto di 700.000 posti di lavoro entro il 2040. I costi per i cambiamenti raccomandati sono significativi ma inferiori a quanto si spende in assenza di una modifica sistemica: 65 miliardi di dollari all’anno rispetto a 113 miliardi di dollari all’anno. La posta in gioco è alta: la produzione annua di plastica è più che raddoppiata in 20 anni, raggiungendo i 460 milioni di tonnellate. Potrebbe triplicare entro il 2060 se non si interviene.

Author

areatecnica@scagency.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *